giovedì,16 agosto, 2018
Breaking News

CERCA DI FERMARE UNA MOTO CON LA SCOPA: VIENE INVESTITO, ENTRA IN COMA E MUORE

Dopo otto giorni di coma, è morto l’uomo investito dalla moto che aveva cercato di fermare brandendo una scopa.

Una storia folle e tragica che arriva dalla provincia di Treviso, dove un 41enne era stanco delle continue corse di un centauro. La vittima, esasperata dalle scorribande lungo via Farra – strada sulla quale si affaccia la sua casa – è sceso sulla carreggiata sabato 28 luglio, come riporta Il Gazzettino, “armato” di scopa per affrontare il motociclista. Che lo ha centrato in pieno, sbalzandolo sull’asfalto a decine di metri di distanza.

Anche il centauro è caduto a terra, ma è rimasto solo lievemente ferito. Inutile il disperato ricovero d’urgenza in rianimazione: il contadino è morto dopo essere entrato in coma.

Il post della moglie

Straziante il messaggio di ricordo su Facebook della moglie, che – destino crudele e beffardo – un’ora prima che il marito venisse investito aveva scritto un post nel gruppo Fb di Sernaglia denunciando la pericolosità della strada e chiedendo un intervento prima che ci scappasse il morto.

“Ho passato giorni a chiedere a Dio perché proprio a noi, amore mio. Da quel maledetto sabato in cui una frazione di secondo ha spezzato i nostri sogni, mi sono chiusa nel reparto di rianimazione centrale di Treviso, circondata da angeli dal camice bianco, verde e blu, sempre al tuo fianco pregando per un miracolo. Parlandoti. Baciandoti. Stringendoti. Riavvolgendo i nostri meravigliosi ricordi, i nostri progetti bellissimi, sempre circondata dagli amici più veri. Quello che ti ho detto stamattina, lo sappiamo noi, ma quello che voglio dire a tutti con amore e serenità è quella che per me è l’unica verità: tutto l’amore che mi hai donato in questi 23 anni insieme è talmente infinito da bastarmi per tutta la vita. Mi hai riempita di Amore, quello più forte e autentico, quello che pochi possono dire di aver conosciuto, di protezione, di passioni per la vita. Non ci siamo fatti mancare niente, ce la siamo vissuta come abbiamo sempre voluto noi. Ora vi prego: non voglio le vostre condoglianze. Voglio sorrisi, perché chi ha avuto la fortuna di conoscerlo, ha conosciuto una persona unica”.

Fonte: qui

Il post

Check Also

QUELLA SINISTRA PROFEZIA DELL’ALLORA PRESIDENTE DEGLI INDUSTRIALI DI GENOVA: “TRA DIECI ANNI IL PONTE MORANDI CROLLERÀ”

Share this on WhatsAppNon gli farà piacere essere chiamato la Cassandra di Genova. Purtroppo ciò …

Lascia un commento