giovedì,16 agosto, 2018
Breaking News

ESPLODE UNʼAUTOCISTERNA IN TANGENZIALE A BORGO PANIGALE: ALMENO DUE MORTI E 67 FERITI – Video

Un’autocisterna è esplosa in zona Borgo Panigale, a Bologna. Ne è nato un incendio fra la tangenziale e alcune concessionarie di auto che ha provocato due morti e 67 feriti, di cui due in gravi condizioni.

Il ponte dell’autostrada del raccordo A1-A14 di Casalecchio è in parte crollato. Lo scoppio sarebbe stato provocato da un incidente che ha coinvolto tre mezzi pesanti. La maggior parte dei feriti (55) è stata trasportata al vicino Ospedale Maggiore.

Numerose auto di alcune concessionarie vicine hanno preso fuoco e sono esplose. La colonna di fumo provocata dal rogo è visibile da tutta la città di Bologna. I vigili del fuoco sono intervenuti con diversi elicotteri per domare del tutto le fiamme.

I due feriti gravi sono stati trasportati d’urgenza negli ospedali di Parma e Cesena, attrezzati per le grandi ustioni. Tra le persone rimaste coinvolte figurano anche 11 carabinieri e due poliziotti della stradale, che stavano dirigendo il traffico dopo un precedente incidente stradale.

Il raccordo autostradale di Casalecchio è stato chiuso al traffico in entrambe le direzioni, così come il tratto sulla tangenziale di Bologna, tra Bologna Casalecchio e lo svincolo 3 Ramo Verde. Blocchi del traffico sono stati disposti anche all’interno del tessuto cittadino.

Poco prima delle 14 un incidente fra un mezzo che trasportava Gpl e alcune auto ha provocato un incendio, al quale sono seguite alcune esplosioni. Alcuni feriti sono stati colpiti dai detriti. Nella zona sono anche scoppiati i vetri di molte abitazioni.

L’onda d’urto è stata violentissima

Molte persone presentano infatti ferite da taglio a causa dei vetri. La deflagrazione ha squarciato le lamiere dell’autocisterna. Le fiamme si sono alzate altissime ma sono state domate abbastanza presto”, ha riferito l’ingegner Giovanni Carella, coordinatore emergenze dei vigili del fuoco dell’Emilia-Romagna.

Sulla corsia dell’autostrada si è formato un vasto squarcio e probabilmente ci vorrà molto tempo per ripristinare la viabilità sul tratto che collega l’Autosole con la Bologna-Taranto e l’Italia da est a ovest. La zona è stata isolata per favorire i soccorsi, ma anche per il timore di ulteriori crolli. Molte le squadre dei vigili del fuoco impegnate, con l’aiuto di alcuni elicotteri, a domare le fiamme. Agli automobilisti in coda sono state distribuite bottiglie di acqua refrigerata.

Un testimone: “Ho pensato a un attentato”

“Ho ancora l’auto sotto il cavalcavia, aspetto di capire se e quando la potrò riprendere. Mi trovavo qui per lavoro, ero al ristorante quando a un certo punto abbiamo sentito uno scoppio violentissimo. Ho pensato ad un attentato”. Così Marco Rosadini, di Arezzo, racconta i momenti vissuti al momento dello scoppio dell’incendio. “Poi con la deflagrazione il tetto di vetro del ristorante ha iniziato a crollare e le persone a scappare. Eravamo seduti, a un certo punto si è sentito un boato fortissimo ed ha cominciato a venire giù tutto. Ho guardato fuori e mi è sembrato di vedere tutta una parete di fiamme. Ci sono stati 7-8 minuti di scoppi”.

Fonte: qui

Il video

Il tweet

Il video

Check Also

QUELLA SINISTRA PROFEZIA DELL’ALLORA PRESIDENTE DEGLI INDUSTRIALI DI GENOVA: “TRA DIECI ANNI IL PONTE MORANDI CROLLERÀ”

Share this on WhatsAppNon gli farà piacere essere chiamato la Cassandra di Genova. Purtroppo ciò …

Lascia un commento