giovedì,16 agosto, 2018
Breaking News

IMBRATTANO IL MURO PER PROTESTARE CONTRO SPIAGGE SICURE: “SALVINI IL VU CUMPRÀ”

Giardini Naxos, in provincia di Messina, uno dei comuni italiani che sperimentano l’operazione Spiagge sicure fortemente voluta da Matteo Salvini, per mettere fuori gioco gli ambulanti abusivi in riva al mare, è comparso – per essere poi cancellato dalle autorità locali – un murale contro il ministro dell’Interno.

Nel disegno, infatti, il leader della Lega compare simpaticamente e sorridente in versione “Vu Cumprà“, reggendo la classica mercanzia da ambulante – occhiali, braccialetti e bandane e chi più ne ha più ne metta – e anche un cartello con su scritto, per l’appunto, “Operazione Spiagge sicure, Matteo il Vu Cumprà”.

È opera del collettivo di artisti Tvboy, famoso per i suoi lavori a sfondo politico: nel vicolo ha imbrattato una parete per lanciare il suo messaggio contro il Viminale e anche contro il sindaco di Giardino Naxos Nello Lo Turco, che in relazione al blitz artistico-politico aveva dichiarato: “Rimuoverlo? Non penso proprio, non vedo il reato, è solo satira”. Però, qualche ore dopo, le autorità cittadini hanno tinteggiato quel muro.

Il primo cittadino, dunque, si difende dalle accuse: “Nessun razzismo e nessuna guerra all’immigrato, ma solo lotta all’ambulantato, che danneggia i commercianti e anche gli ambulanti regolari: c’è necessità di regole chiare e giuste che devono essere applicati a tutti, a prescindere dal colore della pelle”. Per poi chiosare: “L’operazione, peraltro, si chiama Spiagge sicure, ma da noi è più mirato al lungomare che viene preso d’assalto: saranno presenti pattuglie proprio dove c’è una presenza selvaggia di abusivi. Ecco perché faremo dei gazebo per la polizia municipale lungo il litorale”.

Fonte: qui

Il post

Check Also

QUELLA SINISTRA PROFEZIA DELL’ALLORA PRESIDENTE DEGLI INDUSTRIALI DI GENOVA: “TRA DIECI ANNI IL PONTE MORANDI CROLLERÀ”

Share this on WhatsAppNon gli farà piacere essere chiamato la Cassandra di Genova. Purtroppo ciò …

Lascia un commento