giovedì,16 agosto, 2018
Breaking News

COPYRIGHT? LʼEUROPARLAMENTO RESPINGE LA PROPOSTA DI RIFORMA, SE NE RIPARLA A SETTEMBRE

La plenaria del Parlamento europeo a Strasburgo ha votato contro l’avvio dei negoziati fra Parlamento, Consiglio e Commissione Ue sulla proposta di direttiva per la riforma del copyright. Contrari 318 eurodeputati, mentre i sì sono stati 278 e 31 gli astenuti. Il testo tornerà a essere esaminato e votato dalla prossima sessione plenaria del Pe a settembre.

La direttiva prevedeva di sottoporre i giganti di internet (come Youtube, Facebook, Dailymotion e Sound Cloud) al pagamento dei diritti d’autore per i contenuti (video, musicali e giornalistici) diffusi sulle loro piattaforme, come fanno già le società digitali di distribuzione come Spotify e Deezer. Finora, approfittando della poca chiarezza delle normative in vigore, non lo hanno fatto, sostenendo di non essere distributori di contenuti, ma solo intermediari che ospitano lo scambio di contenuti fra gli utenti.

La direttiva mira ad assicurare una giusta remunerazione per artisti, giornalisti e in genere produttori di contenuti, quando le loro opere sono diffuse online, ma contiene anche delle salvaguardie per garantire la libertà di espressione e innovazione, e contiene delle eccezioni dalle regole generali del Copyright per quanto riguarda servizi come Wikipedia (“i servizi che agiscono con scopo non commerciale come le enciclopedie online”), le attività di “text and data mining”, le attività nell’ambito dei programmi educativi e delle istituzioni culturali come musei e librerie.

Il testo, fortemente osteggiato da Google e dagli altri giganti dell’economia digitale, era stato approvato dalla Commissione europarlamentare Affari giuridici, che è quella titolare del dossier, dopo un anno e mezzo di controversie e il pronunciamento contraddittorio di quattro altre commissioni europarlamentari: quelle competenti per Industria/Ricerca/Energia e Cultura, favorevoli, e quelle su Mercato interno/Consumatori e Libertà civili, contrarie. In Italia, M5S e Lega hanno espresso netta contrarietà al testo.

Di Maio: “Bocciata la direttiva bavaglio”

Esulta infatti Luigi Di Maio, che parla di un “giorno importante” spiegando che la decisione presa è “il segno tangibile che finalmente qualcosa sta cambiano anche a livello di Parlamento europeo. La seduta plenaria di Strasburgo ha rigettato il mandato sul copyright al relatore Axel Voss smontando l’impianto della direttiva bavaglio. La proposta della Commissione europea ritorna dunque al mittente rimanendo lettera morta, il segnale è chiaro: nessuno si deve permettere di silenziare la rete e distruggere le incredibili potenzialità che offre in termini di libertà d’espressione e sviluppo economico”.

Salvini: “Non ci fermeranno”

Anche Salvini parla su Twitter di “bavaglio alla rete e a Facebook respinto anche grazie al no della Lega: non ci fermeranno”.

Fonte: qui

Check Also

TRACOLLO DI FACEBOOK IN BORSA: BRUCIA 130 MILIARDI IN UN SOLO GIORNO…

Share this on WhatsAppUna brutta giornata per Facebook e il suo fondatore, Mark Zuckerberg. Alla chiusura …

Lascia un commento