mercoledì,26 settembre, 2018
Breaking News

GLI SCIENZIATI CONVINTI: GLI ANIMALI SOGNANO, PROBABILMENTE IL CIBO (Molti mammiferi e uccelli hanno la fase Rem come gli uomini)

To die, to sleep. To sleep, perchance to dream (Morire, dormire. Dormire, forse sognare) sono le celeberrime parole che Shakespeare fa uscire dalla bocca di Amleto nel suo dubbio eterno dell’essere o non essere.

Ora, che gli animali muoiano, di questo siamo certi. Altrettanto del fatto che dormano. Chi più chi meno, tutti gli animali provvisti di sistema nervoso centralizzato hanno un’alternanza di periodi di veglia e sonno hanno bisogno di dormire. Le specie carnivore dormono più di tutte, mentre quelle che pascolano rimangono sveglie più a lungo e ci sono animali, come il rondone, in grado di volare e dormire contemporaneamente.

Il cavallo ha due tipi di sonno: in quello più superficiale può dormire in piedi e questo gli è utile per un risveglio veloce, nel caso un predatore lo minacciasse. Ma cosa sappiamo dei loro sogni? Gli animali sognano? E se sì, cosa?

Tutti i proprietari di cani e gatti vi diranno inequivocabilmente di sì, dopo avere visto innumerevoli volte i loro beniamini agitarsi durante il sonno, vocalizzare, allungare le zampe ed estrarre gli artigli, proprio come se sognassero di giocare o di catturare una preda. E dà loro ragione l’eminente psicologo Jason G. Goldman, scienziato cognitivo e divulgatore scientifico della University of Southern California di Los Angeles, secondo cui alcuni animali come cani, gatti, uccelli e ratti possiedono la capacità di sognare durante il sonno.

Più cauto Hugo Spiers, psicologo sperimentale dello University College London. Spiers e i suoi colleghi hanno scoperto che quando i ratti vedono del cibo e poi vanno a dormire, alcune delle cellule nel loro cervello sembrano quasi tracciare la direzione da prendere per arrivare a mangiarlo. In un certo senso, i roditori «sognavano» il percorso che li avrebbe portati al cibo.

Negli esseri umani i sogni si verificano durante la fase Rem (rapid eye movement), quando gli occhi si muovono con movimenti rapidi, fase condivisa con le persone da molte specie di mammiferi. Proprio per questo «è ragionevole pensare che anche gli animali sperimentino qualcosa di simile a quelli che noi chiamiamo sogni», spiega Patrick McNamara, direttore dell’Evolutionary Neurobehavior Laboratory alla Boston University. In un esperimento che il neuro scienziato Michel Jouvet e il suo team compirono quasi 60 anni fa, quando non c’erano le moderne tecnologie di diagnostica per immagini non traumatiche, ad alcuni gatti venne interrotto il meccanismo che inibisce la fase Rem.

Durante il sonno questi gatti sollevavano la testa, come stessero guardando oggetti invisibili, inarcavano la schiena e si muovevano come stessero inseguendo una preda o lottando. Tutti questi comportamenti fanno pensare che i gatti vedessero delle cose, durante la fase Rem, spiega McNamara, anche se non possiamo dire con certezza se si trattava di sogni come li intendiamo noi.

Molto più recentemente si è scoperto che anche organismi «inferiori» rispetto a gatti, cani e ratti con ogni probabilità sognano. I cefalopodi, come le seppie e i calamari, hanno uno stato simile al sonno accompagnato da cambiamenti cromatici, contorsioni e rapidi movimenti degli occhi paragonabili a quelli della fase Rem, quindi sognano. Cosa sognano? Forse di scappare lontano da quel fritto misto che ho sognato stanotte.

Fonte: qui

Check Also

RILEVATA IN ANTARTIDE L’INCREDIBILE TEMPERATURA DI – 98 GRADI C°

Share this on WhatsApp Il surriscaldamento globale annunciato da gran parte della comunità scientifica pare non si …

Lascia un commento