Breaking News

“BASTA IGNORANZA”; LA DENUNCIA DI UN PADRE SUI SOCIAL DOPO CHE AL FIGLIO AUTISTICO È STATO VIETATO DI GIOCARE NELLA PISCINA DELLE PALLINE…

E’ contro l’ignoranza generata dalla disinformazione su autismo e disabilità in generale che si scaglia il papà di quel bambino in cui in un pomeriggio d’agosto è stato impedito di entrare nella vasca con le palline colorate all’interno di un centro commerciale de L’Aquila.

“Non voglio che episodi del genere accadano più – spiega l’uomo a Tgcom24, – ma servono più sensibilizzazione e informazione sul tema. Mio figlio non è un malato contagioso e non era mai stato vittima di discriminazione fino a oggi”.

“Ho denunciato l’episodio pubblicamente su Facebook – spiega il papà a Tgcom24– perché sono rimasto scioccato. Come si fa a dire a un bambino davanti al cuginetto: ‘Tu entri, tu no’?”.

Ma si aspettava così tanta solidarietà da parte del popolo dei social network? “Sì, perché anch’io mi indigno davanti a fatti del genere che accadono a scuola, nei locali, nei ristoranti, ma mi dissocio da chi dice di voler boicottare l’attività. Non è questa la strada contro le discriminazioni, ma serve informare e sensibilizzare di più”.

“Non è vero, come i gestori hanno tentato di giustificarsi sui media locali, – conclude l’uomo – che mio figlio sembrava esuberante e poteva rappresentare un pericolo per sé e per gli altri: va a scuola, gli insegnanti lo portano su un palmo di mano, è ben voluto da tutti e va dappertutto senza problemi. La madre che lo accompagnava, poi, sarebbe rimasta lì a vederlo giocare. Bisogna sapere e conoscere di più sull’autismo: basta ignoranza, che ciò non accada più”.

Fonte: Qui

RESTA COLLEGATO CON NOI, SCARICA LA NOSTRA APP. (ANDROIDiOS)

OPPRE INSTALLA LA NOSTRA ESTENSIONE PER CHROME QUI

CI TROVI ANCHE SU TEELGRAM CLICCA QUI E SEGUI LE ISTRUZIONI

Check Also

LA BOMBA DI MINOLI, RAI SPUTTANATA: “È UN DISASTRO, VI DICO PERCHÉ HANNO CACCIATO GILETTI”

Share this on WhatsApp “La Rai è in macerie“. Il direttore generale “Mario Orfeo è arrivato da pochi mesi …

Lascia un commento