venerdì,25 maggio, 2018

L’ULTIMA SPARATA DEL MORTADELLA: “IO FACCIO IL VINAVIL, NON IL LEADER”; CACCIARI INTERVIENE: “LÌ IN MEZZO CI VUOLE IL BOSTIK”

Dall’Ulivo al Vinavil: la parabola politica di Romano Prodi non è male… “Gliel’ho detto, io faccio il Vinavil, che è la colla… non il leader. Ho visto Renzi, Letta e Pisapia. E’ andata bene con Renzi, con Letta e con Pisapia”.

“Questo è quello che bisogna fare in questa fase storica. E il rinvio delle elezioni all’anno prossimo ci dà tempo. Rende possibile questa ricostruzione” del centrosinistra.

Il passaggio di Prodi, ospite di ‘In mezz’ora’ da Lucia Annunzia aveva tutti i requisiti per essere una mezz’oretta soporifera, ma il professore ha deciso di stupire, inaugurando una nuova categoria politica… Il Vinavil, ruolo che avoca a sé in questa fase in cui i “cocci” del centrosinistra sono tanti e sparsi.

“Farò da collante. Ci sono micidiali rotture personali”

Perché lei non vuol fare il federatore e svolgere il ruolo di super partes per mettere tutti insieme?, gli chiede Lucia Annunziata. “Non penso a discorso di ruolo terzo – risponde – penso all’inizio di un dialogo anche riservato” tra Pisapia, Renzi e Letta, per ricostruire il centrosinistra. “Un programma comune è l’unico strumento per ricucire le spaccature.

Cominciamo a parlare di contenuti, poi troveremo l’accordo. Cerco di fare un po’ il collante, ma non ho nessuna intenzione di fare il mediatore”.

Quanto a Renzi, Letta e Pisapia, “li ho visti a casa mia, non come dicono i giornalisti da Parisi…”. ”Quello che mi fa rabbia – rivela l’ex premier – è che quando parlo con ciascuno, ci sono molte più cose in comune che differenze. La verità è che ci sono state delle micidiali rotture personali“.

Cacciari: “Incollare Renzi con Bersani e D’Alema è impossibile”

Pensa che ci sarà la riapertura del dialogo tra Renzi e Letta? “Me lo auguro di cuore”, risponde Prodi. Il professore non si rende conto probabilmente che il Vinavil è “scarso”, serve per tenere insieme materiali lignei.

Ci farà poco, pochissimo: le rotture, i livori, le “vendette”, la “cattiveria” di Renzi non sono roba da Vinavil. No, professore, sbaglia colla: Il Bostik è il collante che ci vuole, almento per provare a riunire  pezzi mplto più complessi e poco malleabili. L’esordio del Vinavil nel lessico politico del centrosinistra non è granché.

Glielo dice anche Massimo Cacciari, uno che di sinistra se ne intende. Scuote la testa e al Quotidiano. net dice: «Come fa, uno come lui, a credere che mettendo assieme i cocci si fa un vaso nuovo?».

Il Vinavil, appunto… Non c’è Vinavil» che tenga? Si arrabbia Cacciari: «Ma come si può pensare di incollare Renzi con Speranza, Bersani e D’Alema dopo tutto quello che è successo?». Come dargli torto? prodi, provi nel frattempo a usare il Bostik…

Fonte: Qui

RESTA COLLEGATO CON NOI, SCARICA LA NOSTRA APP. (ANDROIDiOS)

OPPRE INSTALLA LA NOSTRA ESTENSIONE PER CHROME QUI

CI TROVI ANCHE SU TEELGRAM CLICCA QUI E SEGUI LE ISTRUZIONI

Check Also

RENZI SI FA IL SUO PARTITO? L’INDISCREZIONE, CON LUI PEZZI DI FORZA ITALIA

Share this on WhatsApp Un “partito dei moderati” tipo, nelle intenzioni, la Forza Italia del ’94. Da …

Lascia un commento