venerdì,25 maggio, 2018

IL JOBS ACT È UN FALLIMENTO DA RECORD MA GENTILONI CONTINUA A DIFENDERLO (Eh… Già)

Finito l’effetto Jobs act: nel 2016 – quando cioè non c’erano più sgravi fiscali per le assunzioni – sono state licenziate quasi un milione di persone (899.053, +5,7% rispetto al 2015), anche se calano del 17,1% le dimissioni (oltre 1,2 milioni).

A dirlo sono i dati del Sistema delle comunicazioni obbligatorie del ministero del Lavoro, riportati da Tgcom24, che ricorda come la riforma “fiore all’occhiello” di Renzi ha introdotto l’obbligo di compilare online le dimissioni, evitando così l’uso di quelle in bianco.

“Questo andamento risente ancora degli effetti generati dall’introduzione dello strumento delle dimissioni online (marzo 2016) che ha determinato una ricomposizione delle cause di cessazione”, spiega il ministero.

Ma Paolo Gentiloni, a Cernobbio per il forum di Confcommercio, difende a spada tratta la riforma di Renzi: “I dati sul lavoro parlano chiaro”, dice, “Considerando gli ultimi tre anni, gli occupati sono cresciuti di oltre 700mila unità: sono cifre che ci incoraggiano e ci spingono a proseguire sulla strada di strumenti innovativi come il Jobs act”.

E torna a parlare dei voucher, introdotti con il Jobs act e cancellati con una clamorosa retromarcia prima che ci fosse un referendum ad hoc.

“Noi non abbiamo voluto cancellare soluzioni per il lavoro occasionale ma evitare all’Italia mesi di scontro ideologico e costoso per di più attorno a uno strumento il cui uso era andato oltre gli obiettivi iniziali”, ammette il premier, “Risponderemo all’esigenza di una soluzione seria e diversa sul lavoro occasionale e saltuario, non rinunciamo a regolarlo, stiamo già lavorando”.

Fonte: qui

RESTA COLLEGATO CON NOI, SCARICA LA NOSTRA APP. (ANDROIDiOS)

OPPRE INSTALLA LA NOSTRA ESTENSIONE PER CHROME QUI

CI TROVI ANCHE SU TEELGRAM CLICCA QUI E SEGUI LE ISTRUZIONI

Check Also

BENZINA SEMPRE PIÙ CARA, IN ARRIVO ALTRI AUMENTI: ECCO QUANTO CI COSTERÀ UN PIENO

Share this on WhatsApp L’estate parte male. Soprattutto per gli automobilisti. I rincari della benzina sono pronti …

Lascia un commento