LA TELEFONATA AL TRAFFICANTE DI MIGRANTI: “NON PREOCCUPARTI, IN ITALIA CI VENGONO A PRENDERE QUELLI DELLE MISSIONI” #STOPINVASIONE

Il numero di telefono circola da mesi tra gli immigrati. «Basta chiamarlo e ti organizzano il viaggio verso l’Italia», raccontano.

Con l’aiuto di un madrelingua arabo proviamo a telefonare al cellulare libico del presunto scafista. Il quale ci spiega come sia facile partire da Tripoli, su un barcone verso l’Italia.

Il viaggio della speranza è a portata di mano. Con la particolarità che il «taxi» attraverso il Mediterraneo avviene, a suo dire, con la complicità di «navi delle missioni», «niente militari». Il telefono squilla a lungo, poi qualcuno risponde.

«Ciao, shukran, mi chiamo Hamed, sei Fadel?» esordisce il nostro complice arabo.

«Chi ti ha dato il mio numero?»: risponde un uomo dall’accento egiziano.

«Un tizio», svicoliamo.

«Che vuoi?», ci dice ancora.

«Grazie. Io sono a Trablos (Tripoli ndr) e vorrei andare in Italia. Sei tu che ti occupi del viaggio?», domandiamo.

«Perché mi chiami a questo numero? – ci chiede – Non devi chiamarmi qui. Devi chiamare il 91… e ti dicono tutto».

All’altro numero, con prefisso 00218 e dopo diversi tentativi ci risponde un altro uomo.

«Ciao, mi ha dato questo numero Fadel – gli spieghiamo -. Sono Hamed, sono a Trablos e devo partire. Shukran, sì, devo partire».

Lui: «Dove ti trovi ora?».

«A Trablos. Sono solo – prosegue il nostro complice – e voglio partire. Ho soldi, ma non so se mi bastano».

L’altro risponde: «Costa 2.600-3.200 dollari (2.500-3mila euro). Pensiamo a tutto noi: vestiti e cibo. Se vuoi portiamo anche droga».

Il nostro contatto ha un sussulto: si sente chiaramente uno sparo che sembra di fucile.

«Ho un amico che vorrebbe andare dall’Egitto», diciamo.

«Nessun problema – prosegue l’altro – facciamo partire da ogni Paese: Egitto, Tunisia, Libia, Siria, dove vuoi».

«E chi ci viene a prendere?», chiediamo ancora.

«Se ti interessa chiama di nuovo Fadel che sa tutto», dice lui prima di riagganciare.

Richiamiamo Fadel: “Sono sempre Hamed».

«Perché richiami?», ci dice.

«L’altro mi ha detto di parlare con te. Sono interessato. Che devo fare?», proviamo a chiarire.

Lui sembra un po’ alterato, ma continua a parlare: «Sei a Trablos, giusto? Domani ti telefono al numero da cui mi stai chiamando (in realtà l’abbiamo nascosto ndr). Mi dici dove sei e ti veniamo a prendere».

«Sì, ok, ma – chiediamo – con cosa viaggiamo?».

Ci spiega che partiremo «con una barca di legno. Ogni giorno – dice poi – carichiamo 45 persone. Non di più. Poca strada in mare e poi vi vengono a prendere».

Cogliamo la palla al balzo: «I marinai italiani? Insomma, la Marina, quelli con la casacca blu?».

«No – ci rassicura -, non preoccuparti, non ci sono militari. Arrivano navi, quelle delle missioni. Insomma, non navi della Marina.

Vengono subito e vi portano in Italia. Ma paghi subito, capito? Ora non fare domande, saprai tutto lì. Per telefono non dico altro».

Insistiamo: «Sì, ma chi sono quelli che vengono? Come si chiama la nave?»

Capiamo che non avremo altre risposte: «Saprai tutto lì, non insistere».

«Ok, shukran – lo salutiamo -. Che Allah sia con te. A domani».

Fonte: qui

RESTA COLLEGATO CON NOI, SCARICA LA NOSTRA APP. (ANDROIDiOS)

OPPRE INSTALLA LA NOSTRA ESTENSIONE PER CHROME QUI

CI TROVI ANCHE SU TEELGRAM CLICCA QUI E SEGUI LE ISTRUZIONI

Check Also

RAPINA STILE “ARANCIA MECCANICA” IN VILLA, CʼÈ ANCHE 12ENNE E TOH: VIVEVANO IN UN CAMPO ROM

Share this on WhatsApp Hanno svaligiato il caveau di una villa e ferito gravemente il …

Lascia un commento